Proverbi

Stampa

PROVERBI

 

 

 

La cultura agricolo-pastorale del tempo passato, fatta di conquiste pagate duramente, era espressa in canti, poesie, proverbi e detti, che venivano tramandati da padre in figlio.

Perchè il passato non venga dimenticato ma sia conosciuto ed apprezzato a testimonianza che il presente non è poi tanto diverso, ci si è proposto un lavoro di raccolta di proverbi e detti dialettali locali.

Il proverbio è una breve ed arguta sentenza popolare che contiene un insegnamento, una norma, desunti dall'esperienza. Sono sempre espressi con un andamento metrico o almeno ritmico e presentano rime, assonanze, allitterazioni.

Dal mondo popolare i proverbi sono passati anche alla cultura ufficiale perchè la loro forma essenziale forniva un modello per l'enunciazione di pensieri ed esperienze ed un mezzo per raggiungere maggiore diffusione ed efficacia: si pensi al Libro dei Proverbi della Bibbia.

I proverbi quindi hanno una diffusione universale e, secondo il Guicciardini, “Quasi tutti e medesimi proverbi (…) benchè con diverse parole, si truovono in ogni nazione; e la ragione è che i proerbi nascono dalla esperienza”.

 

In questa raccolta, i proverbi sono ripartiti in quattro gruppi:

 

- proverbi-enigmi

indovinelli antichi e popolari che propongono al solutore un concetto, quasi sempre esposto in versi, il quale generalmente non presenta bisensi, ma solo apparenti contrasti e curiose inverosomiglianze (es.: l'enigma posto dalla Sfinge ad Edipo: “Chi è che prima cammina con quattro zampe, poi con due e infine con tre?”);

 

- proverbi-racconti

presuppongono la conoscenza di un fatto, la notorietà di una storiella (es.: “Per un punto Martin perse la cappa”);

 

- proverbi-epigrammi

caratterizzati da una speciale forma “a battuta”, trasmettono di generazione in generazione la saggezza acquisita con l'esperienza ed interessano la vita quotidiana privata e sociale, il lavoro, la meteorologia, la fede (es.: “Aspettare e non venire è una cosa da morire”);

 

- proverbi antitetici

la caratteristica fondamentale è che si compongono di due parti le quali, limitandosi e talvolta contraddicendosi, precisano il pensiero (es.: “Molto fumo, poco arrosto”).

 

 

 

 

 

PROVERBI-ENIGMI

 

 

 

Trimmuli Trammuli scia fuscennu,

Malefurtuna lu sicutava.

Ci nu pe' lu carottu,

Trimmuli Trammuli era mortu.

 

 

Trimmuli Trammuli (un topo) scappava,

Malefurtuna (un gatto) lo inseguiva.

Se non per il buco (dove nascondersi),

Trimmuli Trammuli sarebbe morto.

 

 

Ntra na finisuddha

tegnu spasa na camiseddha;

sule o nu sule

nu ssuca mai!

 

 

In una fessurina

tengo stesa una camiciola;

sole o non sole

non si essicca mai!

 

 

Tegnu na staddha

china de cavaddhi janchi;

a menzu nci nn'è unu russu

ca tira cauci a tutti quanti.

(a ucca)

 

 

Ho una stalla

piena di cavalli bianchi;

in mezzo ce n'è uno rosso

che tira calci a tutti quanti.

(la bocca)

 

 

Ntra nu picculu carottu

nci cape a curte, a vigna e l'ortu!

(u cannaozzu)

 

 

In un piccolo buco

ci possono entrare una corte, una vigna e l'orto.

(la gola)

 

 

Ntra na nicchia

nc'è na vecchia

ca cu nu dente

chiama tutta a gente!

(a campana)

 

 

In una nicchia

c'è una vecchia

che con un dente

chiama tutta la gente!

(la campana)

 

 

Arretu na strittuleddha

cchiai na caruseddha;

la utai, la sbutai

vitti ca è pilusa e la lassai!

(u cucummarazzu)

 

 

Dietro una viottola

trovai una giovinetta;

la girai, la rigirai

vidi che era pelosa e la lasciai!

(il cocomero)

 

 

Pilu sutta e pilu susu

a mmenzu nc'è lu scattiddhusu!

(l'occhiu)

 

 

Pelo sotto e pelo sopra

in mezzo c'è lo scattoso (apertura a scatto)!

(l'occhio)

 

 

Li pariti su de crita,

lu celu è de carne,

trona, darlampa e chiove!

(u càntaru)

 

 

I muri sono di creta,

il cielo è di carne,

tuona, lampeggia e piove!

(il vaso da notte in terracotta)

 

 

Tegnu tridici cavalieri

tutti tridici a ncavaddhu;

quannu spiccia lu ballu

tutti tridici a ncavaddhu!

(li canneddhi d'ordire)

 

 

Tengo tredici cavalieri

tutti e tredici a cavallo;

quando finisce il ballo

tutti e tredici a cavallo!

(i rocchetti per la preparazione dell'ordito al telaio)

 

 

Tunnu e ritunnu

bicchieri senza funnu;

ci bicchieri nu nn'è

nduvina ce gg'è!

(u neddhu)

        

 

Tondo e rotondo

bicchiere senza fondo;

se bicchiere non è

indovina che cos'è!

(l'anello)

 

 

Tegnu nu purciddhuzzu

taccatu a' manganuzzu;

nu mancia, nu bbive

e sta crassu comu nive.

(u milune a chianta)

 

 

Tengo un maialino

legato alla catena;

non mangia, non beve

ed è grasso come neve.

(il melone alla pianta)

 

 

Longa nu parmu la ulìa;

ntra nu carottu la mintìa;

ntra lu carottu de la crianza

ca te face criscire la panza.

(a furcina)

 

 

Lunga un palmo la vorrei;

in un buco la metterei;

nel buco della creanza

che ti fa crescere la pancia.

(la forchetta)

 

 

A ci lu face nu li serve;

a cci lu ccatta nu lu usa;

ci lu usa nu lu vide.

(u chiautu)

                                                                

 

A chi lo fa non serve;

chi lo compra non lo usa;

chi lo usa non lo vede.

(la bara)

 

 

 

 

 

 

PROVERBI-RACCONTI

 

 

     

      Quannu a urpe nu rriva a l'ua                    

            dice ca è cresta.

 

 

Quando la volpe non arriva all'uva (l'obiettivo),

dice che non è matura (trova una scusa).

 

 

Allu squajare de la nive

parune li strunzi.

 

 

Allo sciogliersi della neve

si rivelano gli stronzi

 

 

Tutti de na ventre,

nu tutti de na mente.

 

 

Tutti da uno stesso seno materno,

non tutti con la stessa mente.

 

 

Quannu cchiù forte chiove,

      cchiù mprima scampa.

 

 

Quanto più forte piove,

prima smette.

 

 

Ungi l'assu ca a rota camina

      e la chitarra se mpara mprima.

 

 

Lubrifica l'asso così la ruota cammina

e la chitarra s'impara prima.

 

 

L'occhiu de u patrunu

ngrassa u cavaddhu.

 

 

L'occhio del padrone

ingrassa il cavallo.

 

 

Quannu fisca lu nachiru

lu trappitaru nu n'à cchiù bene.

 

 

Quando fischia il capo-frantoio

il frantoiano non può più stare tranquillo.

 

 

Ci cchiù salatu mancia

      cchiù acqua bive.

 

 

Chi più salato mangia

più acqua beve.

 

 

Quantu cchiù crossu lu purtune,

tantu cchiù crossu lu cintrune.

 

 

Quanto più grosso è il portone,

tanto più grosso è il chiodo che lo deve reggere.

 

 

E' meju l'ou osci

ca la caddhina crai.

 

 

E' meglio l'uovo oggi

che la gallina domani.

 

 

Ci camina llicca,

ci staje a casa sicca.

 

 

Chi cammina assaggia,

chi sta a casa rinsecchisce.

 

 

Simmina quannu oi,

de messi meti.

 

 

Semina quando vuoi,

mieti quando è l'ora.

 

 

U porcu bbinchiatu

ota a pila suttasusu.

 

 

Il maiale sazio

rivolta il trogolo sottosopra.

 

 

Quannu u diaulu te ncarizza

l'anima nn'ole.

 

 

Quando il diavolo ti accarezza

ne vuole l'anima.

 

 

Ci nu te cratti cu l'ugne toi

nu te passa u pruditu.

                                         

 

Se non ti gratti con le tue stesse unghie

il prurito non ti passa.

 

 

 

 

 

 

 PROVERBI-EPIGRAMMI

 

 

 

Ci penza pe' lu crai

      nu more mai.

 

 

Chi pensa per il domani (chi si preoccupa del futuro)

non muore mai (si garantisce tranquillità).

 

 

Se scinnaru nu scinnariscia,

ferbaru male penza.

 

 

Se gennaio non si comporta da gennaio,

febbraio male pensa (si insospettisce e farà lui il brutto tempo).

 

 

Arcu de mmane,

ogni ommu se pija lu pane;

arcu de sira,

ogni ommu cu se rritira.

 

 

Arcobaleno di mattina,

ogni uomo si prende il pane (per andare al lavoro);

arcobaleno di sera,

è meglio che ogni uomo si ritiri (in casa).

 

 

Ci de caddhina nasce

scanicare aije.

 

 

Chi da gallina nasce

razzolare deve.

 

 

Pasca e Natale

quannu oi li poti fare.

 

 

Pasqua e Natale

quando vuoi li puoi fare.

 

 

Mazzate e panelle

fannu e fije belle.

 

 

Botte e panelle

fanno le figlie belle.

 

 

U nnamuratu se canusce all'occhiu,

lu mortu de fame allu ssannucchiu.

 

 

L'innamorato si riconosce dall'occhio,

il morto di fame dal singhiozzo.

 

 

Pizzicu e vasu

nu fannu partusu.

 

 

Pizzicotto e bacio

non fanno figli.

 

 

A cavaddhu castimatu

luce lu pilu.

 

 

Al cavallo denigrato (la persona invidiata)

riluce il pelo (gode sempre di ottima salute).

 

 

U maritu cu la pala,

a mujiere cu la cucchiara.

 

 

Il marito con la pala,

la moglie col cucchaio.

 

 

Lleva de lu musu

cu minti susu.

 

 

Togli dal muso (sii parco nel mangiare)

per mettere su (per figurare nel vestire).

 

 

U picuraru chiance quannu chiove,

ride quannu se mancia le minore.

 

 

Il pastore piange quando piove,

ride quando si mangia le briciole della cagliata

rimaste nel siero.

 

 

A ci fatica na sarda,

a ci no una e menza.

 

 

A chi lavora (spetta) una sarda,

a chi no una e mezza.

 

 

Quannu u sciroccu ride

è cchiù fessa ci lu cride.

 

 

Quando lo scirocco sorride

è più fesso chi gli crede.

 

 

Ci face caudu a febraru

nu se inchie lu cranaru.

 

 

Se fa caldo a febbraio

non si riempie il granaio.

 

 

Santa Lucia saracusana

vene de sciroccu

e se ne va de tramuntana.

 

 

Santa Lucia siracusana

viene con lo scirocco

e se ne va con la tramontana.

 

 

Ci mmalanga,

l'anni se chiance.

 

 

Chi sparla degli altri,

si pentirà negli anni.

 

 

Ci mancia sulu

se 'nfuca.

 

 

Chi mangia da solo

si strozza.

 

 

U riccu quannu ole,

u povaru quannu ave.

 

 

Il ricco quando vuole,

il povero quando ha.

 

 

Ci busca e daje

a mparadisu vaje.

 

 

Chi guadagna e dà

in paradiso va.

 

 

Ci tene muti sordi

mmirenna a notte.

 

 

Chi ha molti soldi

mangia di notte.

 

 

Sciamu a San Giorgi e poi vinimu,

      lu cranu è scannulatu e l'orgiu è chinu.

 

 

Andiamo a San Giorgio e poi veniamo,

il grano è disfatto e l'orzo è pieno.

 

 

Comu preite dice,

nu comu preite face.

 

 

(Comportati) come il prete dice,

non come il prete fa.

 

 

Coriu de l'autri

curiscia larga.

 

 

Cuoio degli altri

cintura larga.

 

 

E' meju tristu pane

ca nìura fame.

 

 

E' meglio un pane non buono

che una fame nera.

 

 

Se oi faci giurni cuntenti

statte luntanu de li parenti.

 

 

Se vuoi passare giorni contenti

stai lontano dai parenti.

 

 

Ogni cornu

nu bide lu sou scornu.

 

Ogni corno

non vede il suo scorno.

 

L'ommu de male cuscenzia

comu la face la pensa.

 

 

L'uomo dalla cattiva coscienza

come la fa la pensa.

 

 

Quannu Cristu nu mbole

li Santi nu potune.

 

 

Quando Cristo non vuole

i Santi non possono (fare niente).

 

 

Paese ca vai

usanze ca trovi.

 

 

Paese che vai

usanze che trovi.

 

 

Quannu l'ommu nu sente a prima uce

significa ca lu discorsu nu li piace.

 

 

Quando l'uomo non sente la prima voce

significa che il discorso non gli piace.

 

 

Finu a Natale

né friddu né fame;

de Natale a nnanti

morune i patruni

e puru l'affanti.

 

 

Fino a Natale

né freddo né fame;

da Natale in avanti

muoiono i padroni

e pure gli infanti.

 

 

Meju curnutu

ca fessa.

 

 

Meglio cornuto

che fesso.

 

 

Ci fince e tace

bona vita face.

 

 

Chi finge e tace

buona vita conduce.

 

 

Ci dona prima cu more

è scemu fenca campa.

 

 

Chi dona prima di morire

è scemo finché vive.

 

 

Cu lavi a capu a l'asinu

nci perdi a lissia e lu sapune.

 

 

A lavare la testa all'asino

ci perdi il ranno ed il sapone.

 

 

Utai, utai, utai

meju de casa mia nu truvai.

 

 

Girai, girai, girai

meglio di casa mia non trovai

 

 

Quannu zappi e quannu puti

nun'è tiempu de niputi;

quannu rriva c'hai vignimare

ziu e zia te senti chiamare.

 

 

Quando zappi e quando poti

non è tempo di nipoti;

quando arriva che devi vendemmiare

zio e zia ti senti chiamare.

 

 

Strinci a farina

quannu a mattira è china;

quannu u funnu da mattira pare

picca serve lu sparagnare.

 

 

Risparmia la farina

quando la màdia è piena;

quando il fondo della màdia compare

a poco serve il risparmiare.

 

 

De nu tristu passu

essitene mprimu.

 

 

Da un passaggio (da una circostanza) difficile

escitene presto.

 

 

 

 

 

 

PROVERBI-ANTITETICI

 

 

 

Ci mutu bbranca           

picca ccoje.

 

 

Chi desidera molto,

raccoglie poco.

 

 

Cannilora trubba,

mese chiaru.

 

 

Candelora con le nuvole,

mese chiaro (col sereno).

 

 

U bbinchiatu

nu cride u ddasciunu.

 

 

Il sazio

non crede il digiuno.

 

 

Ci prima nu pensa

a ll'urtimu suspira.

 

 

Chi prima non pensa

alla fine sospira.

 

 

Quannu si' ncudine statte,

quannu si' marteddhu batti.

 

Quando sei incudine statti (fermo),

quando sei martello batti.

 

A lingua nu nn'è ossu,

ma ossu france.

 

 

La lingua non è osso,

ma l'osso spezza.

 

 

Li sordi de l'avaru

se li futte lu sciampagnone.

 

 

I soldi dell'avaro

se li gode lo sciupone.

 

 

Ci de speranza vive

disperatu more.

 

 

Chi di speranza vive

disperato muore.

 

 

Acqua e gelu

nu rimanine a ncelu.

 

 

Acqua e gelo

non rimangono in cielo.

 

 

Ci rrobba d'autri veste

prestu spoia.

 

 

Chi roba d'altri veste

presto si spoglia.

 

 

Ci sta a speranza d'autri

e nu cucina

mortu de fame

se curca la sira.

 

 

Chi spera solo negli altri

e non cucina

morto di fame

si corica la sera.

 

 

Ci ole vaje,

ci nu bole manna.

 

 

Chi vuole va (personalmente),

chi non vuole manda (altri).

 

 

Viziu de natura

fenca alla tomba dura.

 

 

Vizio di natura

fino alla tomba dura.

 

 

U superchiu

rumpe u cuperchiu.

 

 

Il soverchio

rompe il coperchio.

 

 

Ogni tristu mesciu

è meju de nu bonu discipulu.

 

 

Ogni cattivo maestro

è migiore di un buon discepolo.

 

 

 

 

Si ringrazia Raffaele De Benedetto per la preziosa collaborazione.

Si invitano inoltre i lettori a collaborare alla raccolta di proverbi inviando materiale dalla sezione "CONTATTI".